Blu e il mondo capovolto!/2

<< Piove a catinelle >> risposero loro.

Il sole era alto nel cielo bambini ma non mi stupivo più di nulla.

Aspetta che mi ricordo; faccia triste, no, ho sbagliato. Sorrido e dico:

<< Che bello!>>

Poi mi chiesero se li volevo seguire e in processione andammo verso il castello mentre Pazzoniglio spariva di nuovo. Il maniero non svettava alto nel cielo ma era all’interno di un pozzo con delle scale buie.

Cominciammo a scendere e man mano i gradini si illuminavano così che quando arrivammo era tutto uno splendore. La sala, con in mezzo un trono intagliato nel cristallo. era d’oro e mi chiesero di sedermi, perché di lì a poco sarebbe iniziata la consegna dei doni alle persone più ricche del paese.

Dame e cavalieri, con preziose vesti e gioielli, ad uno ad uno dopo l’inchino, mi porgevano un cestino che avrei dovuto riempire di monete, direttamente da un sacco. Dopo di che, con un altro inchino, ringraziavano e andavano via.

<< Ma alle persone povere non diamo nulla? >> chiesi ad uno degli omini.

<< No, questo mondo è capovolto, dove il ricco diventa più ricco e il povero più povero. >>

<< Si, ma non mi piace questo mondo capovolto, anzi, se devo dirla tutta, mi fa anche arrabbiare. >>

Volevo parlare subito a Pazzoniglio, perché io Blu, bambina magica, avrei riportato la giustizia in quel paese; e avevo solo poche ore per poterlo fare.

<< Pazzoniglio, dove sei? >>

<< Eccomi qui cara, cosa è successo? Dimmi. >>

<< Ma ascolta, ti sembra giusto che in questo paese i ricchi siano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri? Beh, io non sono d’accordo e voglio fare qualcosa per questi poverelli, sei con me o no? >>

<< Anche a me questa regola mi sembra alquanto strana ma che ci puoi fare? >>

<< No, io mi oppongo e dico “No” e anche i bambini dicono “No”; vero bambini? >>

<< Beh, allora, se anche i bambini dicono “No” qualcosa si può fare: una piccola magia! >>

<< Si, bravo, una magia! Ma di che magia si tratta? >>

<< Ecco qui, tu ascolta bene e poi ripeti con me: se la regola vuoi cambiare e l’equilibrio riportare devi almeno tre persone coinvolgere nell’azione. Quale azione, dirai tu? Pensaci un po’ cara Blu, orsù. >>

<< Ripeto: se la regola vuoi cambiare e l’equilibrio riportare… >>

E come d’ incanto bambini, mi ritrovai, dove direte voi, con il naso appiccicato al vetro della casina della famigliola che avevo scorto appena entrata in paese.

La mamma piangeva e il papà non c’era; in fondo alla stanza vedevo i due bimbi dormire nei loro lettini. Allora mi feci coraggio e bussai con tutte le mie forze. La donnina aprì la porta e guardandomi con curiosità mi invitò a entrare.

<< Lei è la regina Blu, vero? Quale onore, ma entri, entri, cosa fa sulla porta. >>

La regina Blu? Mi faceva strano sentirlo ed entrai chiedendo permesso. La stanza era pulita, calda e modesta con un camino acceso e scoppiettante.

(Fine della seconda puntata)

Pubblicato da Poesia 2021

Sono un'insegnante di scuola primaria e scrivo poesie brevi e racconti per bambini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: